MENU

Comune di Monterotondo

Riaperta Via delle Fornaci con senso unico verso via R. Faravelli

Dal 20.02 si è proceduto alla riapertura dopo la messa in sicurezza nel tratto tra via Rio Maggiore/via Metauro e Via Burani.

 

La riapertura di via delle Fornaci, disposta dal vicesindaco reggente Antonino Lupi con ordinanza ai sensi dell’art. 54 del Testo unico degli enti locali, è stata prevista provvisoriamente con un senso unico in entrata, quindi da Roma verso Monterotondo.

Il monitoraggio avvenuto nei giorni di chiusura ha fatto propendere per questa soluzione che appare la più idonea a garantire il più rapido accesso al Pronto Soccorso dell’ospedale SS. Gonfalone e il miglior flusso veicolare verso il centro Storico. 

Nei prossimi 30 giorni la Polizia Locale terrà sotto controllo il flusso del traffico nell’intera città, per valutare, se ce ne fosse la necessità, soluzioni alternative anche in base al riscontro che verrà dalla cittadinanza.

Per quanto riguarda la messa in sicurezza definitiva della strada e della collina sovrastante, come detto in precedenza si dovrà procedere all’installazione di due paratie in cemento profonde decine di metri e di altezza adeguata, poste parallelamente tra loro, l’una a protezione delle abitazioni, l’altra del fronte stradale.

L’intervento, certo non previsto prima che si manifestassero gli effetti del movimento franoso, ma assolutamente necessario avrà un costo di circa 2.000.000 di euro.

In considerazione dell’ingente importo dei lavori, l’Amministrazione comunale sta cercando di reperire ulteriori fondi che permettano un aggravio minore, cosicché la spesa non gravi esclusivamente sul bilancio comunale.

Al momento è stato affidato un incarico esterno per la realizzazione degli elaborati tecnici del progetto al fine di partecipare al bando di gara indetto della Regione Lazio per la “Realizzazione di interventi di mitigazione del rischio idrogeologico”, con scadenza prevista a marzo e che potrà coprire in parte le spese per la messa in opera dell’intervento.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF