Servizi elettorali

Permettono all’elettorato attivo, ovvero, tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto il 18° anno di età e non si trovino in alcuna delle condizioni ostative per l’iscrizione nelle liste elettorali, di poter esercitare il proprio diritto dovere di voto. Inoltre  Per alcune tipologie di elezioni sono state introdotte norme per favorire l’esercizio del voto di cittadini dell’Unione Europea che risiedono in Italia e non hanno la cittadinanza.

Tessera elettorale:

E’ un documento permanente e dovrà essere conservata con cura per poter esercitare il diritto di voto in occasione di ogni elezione o referendum. Serve per essere ammessi a votare, presso la sezione elettorale di appartenenza, esibendola insieme a un documento di riconoscimento valido.

Scrutatori:

è uno dei componenti dell’ufficio che si insedia presso ogni sezione elettorale in occasione delle consultazioni elettorali o referendarie previste dall’ordinamento italiano. Per poter svolgere questa funzione è necessario essere inseriti nell’Albo unico delle persone idonee all’ufficio di scrutatore

Presidente di seggio:

è uno dei componenti dell’ufficio che si insedia presso ogni sezione elettorale in occasione delle consultazioni elettorali o referendarie previste dall’ordinamento italianoEgli è giuridicamente responsabile in prima persona, anche sotto il profilo penale, dello svolgimento delle operazioni di voto e di scrutini. Per poter svolgere questa funzione è necessario essere inseriti nell’Albo delle persone idonee all’ufficio di presidente di seggio elettorale.

Liste elettorali aggiunte dei cittadini comunitari:

I cittadini di uno Stato membro dell’Unione Europea residenti in Italia possono esercitare il diritto di voto e candidarsi in occasione delle elezioni comunali e circoscrizionali e per l’elezione dei rappresentanti italiani nel Parlamento Europeo. A tal fine possono chiedere presso il proprio Comune di residenza, l’iscrizione nelle liste elettorali aggiunte.

Diritto al voto degli elettori non deambulanti:

Gli elettori non deambulanti, se iscritti a votare presso un seggio elettorale non accessibile mediante sedia a ruote, possono esercitare il loro diritto di voto in un’altra sezione del Comune, appositamente attrezzata e che sia ubicata in stabile privo di barriere architettoniche.

Voto assistito per gli elettori affetti da gravi infermità:

Con apposita richiesta al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali si è iscritti, è possibile il voto domiciliare. Se l’elettore è affetto da grave infermità, se è in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali tali da impedirne l’allontanamento dall’abitazione in cui dimora e se affetto da gravissima infermità tale che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimora risulti impossibile.

Voto per chi non può volontariamente allontanarsi dall’abitazione:
Con apposita richiesta al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali si è iscritti, è possibile il voto domiciliare agli elettori che sono affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio del trasporto pubblico organizzato dal Comune.

Voto per i cittadini italiani all’estero:

è possibile votare anche per i cittadini residenti all’estero regolarmente iscritti all’AIRE(Anagrafe Italiani residenti all’estero)o che si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi per motivi di lavoro, studio o cure mediche.