Comunicazione inizio lavori e attività

Comunicazione inizio lavori (c.i.l.)

interventi assentibili

manutenzione ordinaria

eliminazione barriere architettoniche senza realizzazione di rampe o ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino   la sagoma dell’edificio

opere temporanee per attività di ricerca del sottosuolo con carattere geognostico, ad esclusione di attività’ di ricerca di idrocarburi, ed eseguite  in aree esterne al centro edificato

movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari

serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola

documentazione necessaria

Istanza su modello predisposto dal Servizio</li>

Documentazione fotografica ove necessiti

procedimento

La C.I.L. è presentata dai soggetti legittimati che possono iniziare i lavori il giorno stesso della consegna.

La comunicazione presentata su stampato predisposto dal Servizio va trasmessa o consegnata al Protocollo Generale del Comune di Monterotondo.

 

Comunicazione inizio lavori asseverata (c.i.l.a.)

interventi assentibili

interventi di manutenzione straordinaria (art. 6, comma 2 e 4 del  D.P.R. 380/2001)

documentazione necessaria

Istanza su modello predisposto dal Servizio

Titolo di disponibilità dell’immobile

Elaborato grafico in duplice copia

Relazione ai sensi del D.M. 37/2008 in materia di sicurezza degli impianti;

Relazione ai sensi della L. 13/89 sull’abbattimento delle barriere architettoniche

Relazione tecnica asseverata

Relazione tecnica Nomina del Direttore dei Lavori

Nomina Direttore dei Lavori

Comunicazione ditta esecutrice

Documentazione fotografica

procedimento

La C.I.LA. è presentata dai soggetti legittimati che possono iniziare i lavori il giorno stesso della consegna.

La comunicazione presentata su stampato predisposto dal Servizio va trasmessa o consegnata al Protocollo Generale del Comune di Monterotondo, corredata da tutti i documenti necessari e l’indicazione dell’impresa a cui si intende affidare i lavori.

Il Servizio competente, nel termine di trenta giorni cura l’istruttoria, valuta la conformità del progetto alla normativa vigente, e qualora riscontra motivi ostativi all’intervento ne da comunicazione all’interessato, segnalando il divieto di prosecuzione dell’attività.

La validità della stessa è data dalla copia dell’istanza presentata da cui risulti la data di ricevimento e l’elenco di quanto inoltrato a corredo del progetto.

Il termine massimo di efficacia è pari a tre anni, se in tale termine i lavori non sono stati ultimati dovrà essere presentata nuova CILA per la parte non eseguita.

Ad ultimazione dell’intervento l’interessato provvede, nei casi previsti, alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale.

 

Segnalazione certificata di inizio attivita’ (s.c.i.a.)

interventi assentibili

interventi di manutenzione straordinaria (art. 3 D.P.R. 380/2001)

interventi di restauro e di risanamento conservativo (art. 3 D.P.R. 380/2001)

interventi di ristrutturazione edilizia, ad esclusione del mutamento di destinazione d’uso (art. 3 e 10 del D.P.R. 380/2001)

interventi di nuova costruzione qualora siano disciplinati da Piani Attuativi qualora denominati che contengano precise disposizioni plano volumetriche, tipologiche, formali e costruttive (art. 3 e 22 del D.P.R. 380/2001)

documentazione necessaria

Istanza su modello predisposto dal Servizio

Titolo di disponibilità dell’immobile

Elaborato grafico in duplice copia

Relazione ai sensi del D.M. 37/2008 in materia di sicurezza degli impianti;

Schede contributo oneri di urbanizzazione determinato ai sensi dell’art. 16 del DPR 380/01

Relazione ai sensi della L. 13/89 sull’abbattimento delle barriere architettoniche

Schede contributo costo di costruzione determinato ai sensi dell’art. 16 del DPR 380/01, ove necessiti

Relazione tecnica asseverata

Nomina del Direttore dei Lavori

Comunicazione ditta esecutrice

Modello Istat, ove necessiti

Relazione tecnica

Documentazione fotografica

Tutto quanto necessiti a richiesta del Servizio, secondo l’intervento da eseguire

procedimento

La S.C.I.A. è presentata dai soggetti legittimati che possono iniziare i lavori il giorno stesso della consegna.

La segnalazione presentata su stampato predisposto dall’U.T.C. va trasmessa o consegnata al Protocollo Generale del Comune di Monterotondo, corredata da tutti i documenti necessari e l’indicazione dell’impresa a cui si intende affidare i lavori.

Il Servizio competente, nel termine di trenta giorni cura l’istruttoria, valuta la conformità del progetto alla normativa vigente, e qualora riscontra motivi ostativi all’intervento ne da comunicazione all’interessato, segnalando il divieto di prosecuzione dell’attività.

La validità della stessa è data dalla copia dell’istanza presentata da cui risulti la data di ricevimento e l’elenco di quanto inoltrato a corredo del progetto.

Il termine massimo di efficacia è pari a tre anni, se in tale termine i lavori non sono stati ultimati dovrà essere presentata nuova SCIA per la parte non eseguita.

Ad ultimazione dell’intervento il progettista presenta certificato di collaudo finale, col quale si attesta la conformità dell’opera al progetto presentato e contestualmente ricevuta dell’avvenuta presentazione della variazione catastale, o dichiarazione che le opere eseguite non hanno comportato modificazioni del classamento catastale.

In assenza di tale documentazione si applica la sanzione di cui all’art. 37, comma 5 del DPR 380/2001.

 

Denuncia inizio attività (d.i.a.)

interventi assentibili

interventi di manutenzione straordinaria (art. 3 D.P.R. 380/2001)

interventi di restauro e di risanamento conservativo (art. 3 D.P.R. 380/2001)

interventi di ristrutturazione edilizia, ad esclusione del mutamento di destinazione d’uso (art. 3 e 10 del D.P.R. 380/2001)

interventi di nuova costruzione qualora siano disciplinati da Piani Attuativi qualora denominati che contengano precise disposizioni plano volumetriche, tipologiche, formali e costruttive (art. 3 e 22 del D.P.R. 380/2001)

documentazione necessaria

Istanza su modello predisposto dal Servizio

Titolo di disponibilità dell’immobile

Elaborato grafico in duplice copia

Relazione ai sensi del D.M. 37/2008 in materia di sicurezza degli impianti;

Schede contributo oneri di urbanizzazione determinato ai sensi dell’art. 16 del DPR 380/01

Relazione ai sensi della L. 13/89 sull’abbattimento delle barriere architettoniche

Schede contributo costo di costruzione determinato ai sensi dell’art. 16 del DPR 380/01, ove necessiti

Relazione tecnica asseverata

Modello Istat, ove necessiti

Relazione tecnica

Nomina del Direttore dei Lavori

Comunicazione ditta esecutrice

Documentazione fotografica

Tutto quanto necessiti a richiesta del Servizio, secondo l’intervento da eseguire

procedimento

La D.I.A. è presentata dai soggetti legittimati, almeno trenta giorni prima dell’effettivo inizio dei lavori (art. 23 DPR 380/01).

La denuncia presentata su stampato predisposto dall’U.T.C. va trasmessa o consegnata al Protocollo Generale del Comune di Monterotondo, corredata da tutti i documenti necessari e l’indicazione dell’impresa a cui si intende affidare i lavori.

<p>Il Servizio competente, nel termine di trenta giorni cura l’istruttoria, valuta la conformità del progetto alla normativa vigente, e qualora riscontra motivi ostativi all’intervento ne da comunicazione all’interessato.

Trascorso il termine di trenta giorni dalla presentazione della Denuncia, senza che l’amministrazione abbia respinto l’intervento proposto, la validità della D.I.A. è data dalla copia della denuncia presentata da cui risulti la data di ricevimento e l’elenco di quanto inoltrato a corredo del progetto.

Il termine massimo di efficacia è pari a tre anni, se in tale termine i lavori non sono stati ultimati dovrà essere presentata nuova DIA per la parte non eseguita.

Ad ultimazione dell’intervento il progettista presenta certificato di collaudo finale, col quale si attesta la conformità dell’opera al progetto presentato e contestualmente ricevuta dell’avvenuta presentazione della variazione catastale, o dichiarazione che le opere eseguite non hanno comportato modificazioni del classamento catastale.

In assenza di tale documentazione si applica la sanzione di cui all’art. 37, comma 5 del DPR 380/2001.

Modulistica

inizio_lavori

fine_lavori_dia (1)

modello_dia

modello_dia_art._37

modello_cil

modello_cila

modelloscia

 

Allegati