Città metropolitana di Roma Capitale
MENU

Comune di Monterotondo

Impianti termici: le competenze tornano comunali

 

Da quest’anno non sarà più Città Metropolitana ma direttamente il Comune a sovraintendere alle operazioni di controllo, manutenzione, ispezione e rilascio di bollini verdi, obbligatorie per legge.

 

Torna comunale la competenza per gli accertamenti e le ispezioni sugli impianti termici domestici e non.

Con il superamento della soglia dei 40mila residenti a Monterotondo, da quest’anno sarà infatti il Comune stesso e non più la Città Metropolitana di Roma Capitale a sovraintendere alle operazioni di controllo, manutenzione, ispezione e rilascio di bollini verdi, obbligatorie per legge.

 

Tutte le procedure nonché le nuove modalità di pagamento e trasmissione delle relazioni tecniche sono codificate dal nuovo regolamento approvato con delibera consiliare n. 33 del 30 giugno scorso, con il quale è stato integralmente recepito  l’indirizzo regionale ai sensi della L.R. n. 7 del 2018, e che riguarda, a far data dal 1 novembre, tutti i titolari di impianti termici dotati di sottosistemi di generazione a fiamma, di cogeneratori e scambiatori di calore alimentati da reti di teleriscaldamento con potenza termica utile nominale maggiore di 10 kw e gli impianti termici dotati di sottosistema di generazione con macchine a ciclo frigorifero di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kw, per la climatizzazione invernale ed estiva.

 

La novità sostanziale per i cittadini proprietari degli impianti è che non dovranno più provvedere direttamente al pagamento del bollettino per il rilascio del bollino verde e all’invio, via mail, fax o postale, della ricevuta come avveniva precedentemente. Saranno infatti le stesse imprese manutentrici a “pre-acquistare” dal Comune i bollini e ad addebitarne i costi ai cittadini proprietari o responsabili degli impianti al momento dell’intervento di verifica e/o di manutenzione, rilasciando le certificazioni e provvedendo a comunicare l’esito dell’intervento direttamente agli Uffici comunali. Sono previste ispezioni onerose e sanzioni per i proprietari/responsabili degli impianti che non avranno provveduto a richiedere gli interventi alle imprese manutentrici e comunque a non adempiere a quanto previsto dal regolamento.

COMUNICATO STAMPA IN PDF

Regolamento