Città metropolitana di Roma Capitale
MENU

Comune di Monterotondo

Allontanamento degli storni e pulizia di Parco della Rimembranza

Rapaci in volo e “grido d’angoscia”, i “Falconieri Romani” in opera per allontanare gli storni.  Dopo la pulizia delle aree interessate è già in programma, per il mese di febbraio, un intervento di potatura.

Sono iniziate venerdì 31 ottobre le operazioni di allontanamento incruento degli storni dal centro abitato della città.

Maurizio Alessandrini, titolare della ditta di Pomezia incaricata – la “Falconieri Romani” – illustra le operazioni:
“La metodologia adottata ha previsto l’abbinamento del volo dei rapaci predatori con un nuovo strumento che produce il cosiddetto ‘grido d’angoscia’: una emissione sonora amplificata, sperimentata in collaborazione con l’Università di Sassari, che simula le grida strazianti degli storni catturati e predati.

Da alcuni decenni infatti questa specie di volatili tende a trascorrere le notti nelle città e nei centri urbani perché vi trova condizioni climatiche più favorevoli e maggiori condizioni di sicurezza dovute alla quasi totale assenza di predatori naturali e di cacciatori”.


“Già quattro settimane fa era stato effettuato un primo tentativo di allontanamento da parte di Fauna Urbissostiene l’Assessore all’ambiente Luigi Cavalli – riproducendo, attraverso altoparlanti e megafoni, il verso di storni predati si fa credere agli uccelli in arrivo al dormitorio che in zona vi sia un predatore, per cui questi si sposteranno in altre aree. L’attacco di un predatore è un rischio sempre presente nella vita dello Storno e la reazione al grido d’angoscia è istintiva; gli uccelli non si abituano ad esso come invece accade con altri sistemi (ultrasuoni, scoppi, ecc.) Purtroppo quest’anno il primo intervento di Fauna Urbis non è stato sufficiente ed è stato quindi integrato con il secondo, coordinato dalla vicesindaca Bronzino, a cura dei Falconieri”.


L’intervento è stato eseguito in collaborazione con la Protezione Civile, le Guardie Faunistiche Ambientali e la Polizia Locale per riscontrare, oltre all’allontanamento incruento degli storni, che non fosse prodotto alcun tipo di stress per gli altri animali.


In base al contratto stipulato con il Comune, a partire dal 31 ottobre e fino alla fine del mese di febbraio 2021, l’attività di mantenimento proseguirà con il monitoraggio e il controllo della persistenza dell’allontanamento.

Si sono concluse nelle prime ore di questa mattina le operazioni di pulizia delle aree interessate tramite uso di acqua a 90º in pressione senza additivi.

Inoltre il servizio Infrastrutture ha già messo in programma per febbraio un intervento di potature per il parco della Rimembranza:

“Occorre intervenire sulla struttura degli alberi, senza danneggiare le pianteafferma la Vicesindaca Isabella Bronzinoper fare in modo che non siano più adatti alla sosta notturna degli Storni. Una riconfigurazione delle chiome che rispetta la naturale conformazione degli alberi, impedendo, per i 3-5 anni successivi, che possano essere utilizzati come dormitori. Ciò si ottiene sfoltendo l’apparato di rami, riducendo così l’effetto di protezione dal vento e aumentando quindi le correnti d’aria tra gli stessi rami con una conseguente alterazione del microclima presente all’interno della chioma; il taglio interessa soprattutto i rami con diametro di 2 cm, ossia quelli maggiormente idonei alla presa delle zampe”.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF